Quantcast

Tragedia Fiumarella, Abramo: “Va ricordata anche dopo 60 anni”

Per il sindaco e presidente della Provincia di Catanzaro: "Ricordare il più grave deragliamento ferroviario della storia d’Italia è un atto doveroso"

Più informazioni su

    “Sono trascorsi 60 anni da quel tragico 23 dicembre del 1961 in cui persero la vita, nel disastro ferroviario della Fiumarella, 71 persone”. E’ quanto dichiara il sindaco e presidente della Provincia Sergio Abramo in una nota stampa.

    “Quel drammatico avvenimento – si legge nel comunicato – è stato ingiustamente archiviato in un angolo della nostra memoria collettiva, ma è estremamente importante, come è stato fatto anche di recente, che se ne torni a parlare anche per tenere alta l’attenzione affinché eventi del genere non accadano mai più.

    Sergio Abramo
    Sergio Abramo

    Ricordare il più grave deragliamento ferroviario della storia d’Italia è un atto doveroso nei confronti di chi, allora, interruppe la sua vita, fra cui tanti lavoratori e tantissimi giovani e giovanissimi studenti che erano saliti su quel treno che collegava Cosenza a Catanzaro per l’ultimo giorno di scuola prima delle vacanze di Natale. In 28 rimasero feriti, 71 nostri concittadini persero la vita, tante comunità piansero i propri morti, a partire da quella di Decollatura che pagò il prezzo più alto. A tutti loro rivolgo un pensiero e invito le nostre comunità a fare altrettanto. Anche se sono passati 60 anni, non è proprio possibile dimenticare”.

    Più informazioni su