Quantcast

Infrastrutture Calabria, Uil: “Serve chiarimento su Alta velocità”

Chiede "la convocazione della cabina di regia sulla spesa europea" e "amplificazione massima degli strumenti di controllo sociale"

Più informazioni su

    “Il potenziamento delle infrastrutture attuali e la realizzazione di nuove opere infrastrutturali, in gra-do di rendere moderno ed efficiente il sistema trasportistico calabrese, devono rappresentare uno dei punti nodali di una Calabria che si immagina resiliente e capace di rimettere in moto il proprio mo-tore produttivo, economico, occupazionale e sociale”. Lo scrive in una nota Santo Biondo, segretario regionale della Uil Calabria.

    “Davanti a ciò – scrive Biondo nella nota – non ci convince il dibattito che si è aperto in merito alla realizzazione dell’Alta velo-cità ferroviaria. Le voci si susseguono ma non sono univoche. Riteniamo necessario un chiarimento, immediato e definitivo, su un’opera che riteniamo strategica per il futuro della Calabria e che sia degna di questo nome.
    Ad oggi, infatti, non risulta chiaro se questa infrastruttura sarà completata interamente lungo la di-rettrice Salerno-Reggio Calabria grazie agli stanziamenti previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza o se per la stessa si prevede un semplice restyling che si fermi alle porte della Calabria. Se così fosse si compirebbe l’ennesima beffa ai danni di questa regione, si darebbe vita ad un nuovo e inaccettabile colpo alla già debole economia regionale, si calpesterebbero i diritti delle cittadine e dei cittadini calabresi”.

    Per  Uil “è ora di dire la verità, tutta la verità sulla dote finanziaria che, attraverso il Pnrr, è stata destinata alla Calabria. E’ l’ora di dire, con chiarezza, se questi fondi sono aggiuntivi a quelli già stanziati per l’ammodernamento della regione o se finiranno per sostituire quelli già esistenti e confluiti in altri piani di finanziamento europeo o nazionale e, se così fosse, è giunta l’ora di dire chiaramente ai ca-labresi che fine faranno i fondi già stanziati ed eventualmente stornati”.

    Il rischio per il sindacato “è quello di far finire il territorio regionale dentro una partita di giro nazionale che, sottraendo risorse alla Calabria, finirebbe per bloccarne la capacità di agganciare la ripartenza del Paese e, così facendo, limare quelle pesanti diseguaglianze che rappresentano una tara oggi più che mai insopportabile. Se così fosse noi non potremmo accettarlo.
    Così come non condividiamo l’opacità sugli interventi progettuali richiesti dal precedente governo regionale al Governo per un inserimento nel Piano nazionale di ripresa e resilienza.
    Siamo convinti, infatti, che sia necessario programmare al meglio le risorse messe a disposizione da Roma e Bruxelles per sostenere l’economia calabrese nella sua necessità di ripartenza”.

    Per questo nel riconoscere l’attenzione prestata a questi temi dal presidente della giunta regionale Roberto Occhiuto, “da tempo ribadiamo la necessità dell’amplificazione massima degli strumenti di controllo sociale che l’Europa ci mette a disposizione e che, con la giunta regionale uscente, non si sono potuti adoperare.
    Ai vertici politici ed amministrativi della Regione Calabria, anche per diradare le nubi sul Pnrr e sulla dotazione prevista dallo stesso piano per la Calabria, suggeriamo di avviare una piattaforma regionale – sulla falsa riga di quella avviata dal Governo Draghi – attraverso la quale ogni cittadino possa avere contezza nell’immediato dei progetti e dei finanziamenti previsti per la nostra regione e del loro storico”. La Uil, infine chiede “la convocazione della cabina di regia sulla spesa europea, si-curi come siamo che sia necessario velocizzare la riprogrammazione della spesa comunitaria sul Fse 2014/2020, risorse che vanno destinate ad aiutare in modo selettivo il tessuto economico e sociale calabrese. Non bisogna mai perdere di vista il fatto che la partita dello sviluppo economico e occu-pazionale non può essere posto in secondo piano rispetto alla partita sanitaria, ma che sia necessario far marciare contemporaneamente su queste direttrici nella programmazione regionale”.

    Più informazioni su