Quantcast

Speziali plaude alle premesse di Donato sulla necessità del dialogo programmatico

Nota del coordinatore regionale federativo Calabria dell'Area di Centro

Più informazioni su

     “Prendo atto, con soddisfazione, poiché ciò va nell’interesse della città di Catanzaro, che qualcuno – citandomi (e lo ringrazio) – cioè il prof. Valerio Donato, abbia proposto, finalmente, un dialogo programmatico, il quale quando inizierà, non significherà convergenza a prescindere,  bensì avvio di un confronto”. Esordisce così in una nota Vincenzo Speziali, coordinatore regionale federativo Calabria dell’Area di Centro (Noi con l’Italia, Noi di Centro, Democrazia Cristiana, Popolari Liberaldemocratici e Riformisti, Centro Popolare, Federazione Popolare dei Democratici Cristiani).

    “È dal confronto, infatti, che nascono le soluzioni, quindi ci si augura che esse siano soddisfacenti e migliorative a favore dei cittadini, non certo in prospettiva di alchimie e provette per soluzioni di già stabilite. Compito del Centro Moderato, cioè quello popolare, liberaldemocratico e riformista -che di per sé strutturalmente assomma le culture positive della buona governabilità (nazionale) e positiva amministrazione (locale)- è anche favorire una prima fase, basata sull’interlocuzione, prodromica ad un programma serio e realizzabile” – si legge nella nota.

    Catanzaro Capitale e centro del Mediterraneo” (nei giorni scorsi dal sottoscritto registrata quale proprietà intellettuale e marchio elettorale, a norma di legge e di cui rivendico la titolarità), non è uno slogan, bensì un’idea complessa su cui incentrare la proposta definitiva, comprendente dal buon utizzo dei fondi previsti, fino ad una coerente e integrata conformazione urbanistica, passando per la riformulazione interconnettivà delle strutture ricettive e culturali, alfine di ospitare un dialogo permanente dei popoli affacciati sul “mare nostrum”, favorendone  il dialogo e non solo. Ciò – afferma Speziali – caratterizzerà l’azione dell’area moderata, la quale non si sottrarrà alle sfide future che ci attendono per gli anni a venire, proprio partendo dall’appuntamento per il rinnovo dell’Amministrazione Comunale catanzarese -prevista nei prossimi mesi- notando che quella attuale nel volgere la sua conclusione, continua con rimpasti e rimescolamenti e il Sindaco pro tempore sembra “osservare” il tutto, senza farne piega alcuna.

    Ripeto, ciò non è politica, soprattutto non credo sia questione che entusiasmi, positivamente, i cittadini, bensì conferma l’urgenza di ridare la scena, a fronte di libere elezioni, proprio ai politici”.

    “Dal canto mio – conclude – rappresentando Partiti nazionali, accetterò finita la fase in corso che delineerà meglio il quadro delle forze in campo a seguito dell’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, un confronto -più volte auspicato- con persone e forze compatibili, basato sulle idee da sviluppare a favore della città e dei cittadini, senza soluzioni prestabilite, dal punto nominalistico, seppur tuttavia, registro con sollievo quanto qualcosa si comincia a muovere, nel senso positivo e che più volte ho indicato, confidando che nessuno pensi che partendo anzitempo, si arrivi alla meta. Continuiamo il lavoro, incessantemente!”.

    Più informazioni su