Quantcast

Posizione in consiglio comunale, la precisazione di De Sarro al portavoce di Donato

Massima considerazione per Fiorita ma non sono passato col sindaco. Stop a inutili discussioni che al cittadino non interessano

Più informazioni su

    Di seguito pubblichiamo integralmente una precisazioni di Vincenzo De Sarro a un comunicato di Antonio Menniti, portavoce del Candidato a Sindaco, Valerio Donato

    Preg.mo dott. Menniti ho letto l’articolo da Lei scritto ieri in cui ha riportato un periodo che non riflette la verità dei fatti.

    In particolare Lei ha scritto che sarei – una volta subentrato in qualità di Consigliere comunale al posto del Prof. Fiorita – passato con la squadra del Sindaco.

    Per quel che concerne la figura del Sindaco non vi è dubbio che nutro la massima considerazione per ogni Sindaco in quanto eletto dal popolo.

    Quanto da Lei scritto, a parer mio, non risponde a verità per il solo fatto che ho sempre votato i punti all’ordine del giorno in sintonia con il mio capogruppo, Consigliere Belcaro, eccezion fatta rare volte in cui, su qualche pratica, ho preferito astenermi anziché esprimere un diniego.

    Non vi è dubbio che su alcuni temi  – ” i cosiddetti principi non negoziabili” – la mia posizione è distante dall’indirizzo più diffuso all’interno di “Cambiavento”.

    Nel concludere auspico che nei mesi che precederanno le prossime elezioni amministrative la discussione politica non sia limitata ad inutili e divisive discussioni  che ben poco interessano al cittadino ma verta su temi mirati a ricostruire il tessuto sociale ed economico di una città.

    Il compito della “politica” è comprendere come ridare, in un mondo che cambia, dignità & felicità ad una comunità’. 

    Senza la ricostruzione di una “sana economia” che veda l’essere umano impegnato in un “lavoro” durante il suo soggiorno in questo mondo questo obiettivo non potrà mai raggiungersi.

    E’ una strada difficile, ma è l’unica strada. 

    Quanto dico è ben confermato dalla foto che segue – scattata su Corso Mazzini negli anni 50 –  in cui si vedono persone felici per il solo fatto che avevano la loro giornata impegnata nel loro quotidiano lavoro.

    Generico aprile 2022

    Più informazioni su