Quantcast

Calabria Condivisa chiarisce circa la proposta di legge sullo smart working

E’ importante inoltre notare come l’interesse per il valore della norma abbia spinto all’entusiasmo rispetto alla richiesta di Calabria Condivisa di voler apporre firme di tutti gli schieramenti politici sulla norma proposta

Più informazioni su

    Ad appena tre giorni dall’iniziativa comunicata da Antonio Lo Schiavo, consigliere regionale gruppo De Magistris Presidente – e rispetto alla quale è stata chiarita la ricerca di sostegno bipartisan – di voler proporre al primo consiglio regionale utile il disegno di legge che la nostra organizzazione ha sottoposto a tutti i consiglieri qualche settimana fa, Calabria Condivisa apprende con stupore della presentazione del suo disegno di legge effettuata dalla consigliera Amalia Bruni. Calabria Condivisa precisa che “l’incontro informale, di cui si parla nel comunicato era disposto per ogni consigliere che ne facesse richiesta, finalizzato ad approfondire il testo della norma e non a consegnare in modo diretto e privilegiato la proposta normativa” ringrazia altresì la consigliera Bruni, “ma è bene precisare che per Calabria Condivisa è fondamentale avere il sostegno di tutti i consiglieri regionali, dell’ufficio di presidenza e dei capigruppo consiliari in quanto riteniamo che tali proposte di legge, essendo elaborate per il bene della Calabria, siano fatte proprie da tutti i consiglieri regionali e per tale motivo auspichiamo che la proposta di legge sia depositata a firma di tutti i capigruppo consiliari a dimostrazione dell’unitarietà e condivisione piena dell’assemblea”. Si ringraziano i consiglieri per l’entusiasmo e si auspica, da oggi e fino alla prossima riunione dell’assemblea regionale, che tutti i componenti dell’assemblea regionale, che già hanno espresso a Calabria Condivisa attenzione e sostegno alla norma, aderiscano anche formalmente alla presentazione.
    E’ importante inoltre notare come l’interesse per il valore della norma abbia spinto all’entusiasmo rispetto alla richiesta di Calabria Condivisa di voler apporre firme di tutti gli schieramenti politici sulla norma proposta in Consiglio, ma ve bene così, rimane un dato storico importante considerando con quanta difficoltà molte norme stentano a trovare impulso, importante questa soprattutto perché arriva dal mondo sociale, culturale e civico della Calabria che vuole cambiare se stessa in meglio. E’ in programma in tal merito, si ricorda, una conferenza stampa che si svolgerà durante il prossimo consiglio regionale utile. In questa occasione verrà raccolto il sostegno dei consiglieri che intendono supportare la norma e contestualmente verrà presentato nel dettaglio il contenuto della stessa. La norma a livello nazionale è stata già presentata in Parlamento nella seconda metà dello scorso anno. Allora perché proporla anche a livello regionale? Tutto nasce da un incontro di Calabria Condivisa con Francesco Maria Spanò, redattore della norma, per sostenerla (quella nazionale) e per trarne gli opportuni vantaggi per la Calabria. Dall’incontro però non ci si è limitati a trattare l’argomento, ne è nata in più l’esigenza di far capire, prima di tutto a noi stessi calabresi, che le cose possono cambiare se lo vogliamo ma, soprattutto, di non aspettare altri per farlo. In piena filosofia di Calabria Condivisa, organizzazione non profit che ha creato una fitta rete di calabresi che intendono cambiare le dinamiche della propria regione, senza aspettare che lo facciano altri.
    Francesco Maria Spanò, direttore di People & Culture, ha quindi assunto il compito, su invito di Andrea Casile, di Calabria Condivisa, di adattare il testo normativo alla competenza regionale e in men che non si dica il testo era pronto per l’invio ai consiglieri regionali. Parte così “dal basso” l’iniziativa, in attesa che il testo venga firmato per la proposta formale. Ma cosa prevede nel dettaglio la futura norma? Il testo dal titolo “Misure di sostegno e incentivi alle imprese che attivano e agevolano il lavoro agile o smart working ai fini del ripopolamento dei piccoli comuni della Regione Calabria” elaborata da Francesco Maria Spanò (Direttore People & Culture dell’Università “Luiss Guido Carli” di Roma e componente del Comitato Tecnico Scientifico dell’Ass.ne I Borghi più Belli d’Italia) e sostenuta dall’Ass.ne Calabria Condivisa. La proposta di legge punta a far vivere e far lavorare nei piccoli borghi, rafforzando le reti digitali e sfruttando le potenzialità dello smart working, con l’obiettivo di rianimare i borghi stessi ravvivando il relativo tessuto socio-economico e riattivando la filiera locale di beni e servizi. I piccoli comuni diventerebbero centri innovativi della vita professionale di tutti quei lavoratori che sceglieranno, grazie a incentivi pensati per il lungo periodo, di risiedere lontano dalle città metropolitane, favorendo un ambiente “a misura d’uomo”.
    La proposta rappresenta inoltre un importante elemento di congiunzione con la proposta di legge “Delega al Governo per la promozione del lavoro agile nei piccoli comuni” presentata nel mese di luglio 2021 presso la competente Commissione del Senato della Repubblica. Proposta di legge nazionale che si compone a partire da quattro pilastri, elaborati in tre articoli: il ripopolamento dei borghi d’Italia; una nuova e più versatile definizione di smart working; garanzia dei servizi essenziali e di incentivi volti alla migrazione presso i piccoli comuni; la valorizzazione del territorio e delle attività locali e artigianali. “Riteniamo che sia fondamentale” – dicono i promotori della norma – “ la sinergia tra Istituzioni ed Associazioni per aggiornare il sistema normativo regionale su una tematica importante come il ripopolamento dei piccoli comuni e per tale motivo ci stiamo attivando per coinvolgere altre associazioni che operano sul territorio regionale”. E, rivolgendosi ai consiglieri regionali che formalmente dovrebbero sostenere e presentare la norma in Consiglio, “vi chiediamo di essere firmatari della presente proposta e di presentarla al Consiglio Regionale per l’approvazione.“
    Per approfondire e conoscere il testo clicca qua

    L’Ufficio Stampa Calabria Condivisa Con Fondazione Caterina Marzano – Un Ponte per l’Europa -FìmminaTv-Acli Terra – Associazione degli Operatori Turistici “Riviera e Borghi degli Angeli” -Kalabria Experience

    Più informazioni su