Due casi accertati a Curinga, il sindaco non esclude di diventare zona rossa

Dopo quella preventiva con cui ieri aveva chiuso scuole e studi medici, nelle ultime 24 ore il sindaco di Curinga ha emanato altre 10 ordinanze

Più informazioni su

    Dopo l’ordinanza preventiva con cui ieri aveva chiuso scuole e studi medici, nelle ultime 24 ore il sindaco di Curinga ha emanato altre 10 ordinanze di quarantena in merito al Covid-19 nel proprio paese, ufficializzando oggi i nuovi casi positivi.

    «Nelle ultime 48 ore ci sono 2 nuovi casi sintomatici, con 60 tamponi effettuati e 25 persone persone messe in quarantena», comunica in un video su Facebook il sindaco Serrao, «altri tamponi si stanno eseguendo. Parliamo di un contagio di rientro, come già avvenuto in episodi precedenti, ma solo diversi giorni dal ritorno a Curinga due nostri concittadini hanno accusato manifestazioni febbrili, che associati alla positività del tampone sono stati inconsapevolmente soggetti infettanti».

    Serrao assicura che «cercheremo di gestire anche questa situazione, che però è più complessa perché le occasioni di contagio sono state innumerevoli. Per questo ho fatto chiudere scuole ed ambulatori medici, avendo questa autorità e non quella regionale di poter chiudere l’ingresso in paese».

    Per questo il sindaco invita i cittadini «a sottoporsi spontaneamente a tampone, con le forze dell’ordine e sociali stiamo cercando di contenere in ogni modo i possibili contagi», ribadendo le misure di base come mascherina, distanziamento sociale, lavaggio delle mani «perché in attesa dei risultati dei restanti tamponi potremmo diventare zona rossa».

    Il nuovo numero del centro operativo comunale è il 3773788033, cui il sindaco invita a rivolgersi tempestivamente i propri concittadini.

    Più informazioni su