Quantcast

“Eventuali disservizi” scuolabus Magisano. Amministrazione risponde a lettera aperta

"Nessun muro di gomma. Le fermate di cortesia? Non sono previste se non occasionalmente. modifiche al percorso si possono pattuire solo con il placet di tutti i fruitori

Più informazioni su

    La Amministrazione comunale di Magisano desidera chiarire “alcune inesattezze pubblicate nella lettera aperta inviata alla vostra redazione in merito ad eventuali disservizi nel trasporto scolastico di nostra competenza.

    Partiamo dall’Incipit: considerare “muro di gomma” il comportamento di un’Amministrazione che dialoga ripetutamente e serenamente (due volte nella casa comunale, svariate altre telefonicamente e altre ancora vis à vis) con chi avanza una richiesta ci pare alquanto infondato; le richieste vanno accolte, valutate, ma non per forza esaudite se si pensa non vi siano i presupposti necessari.

    Mettere in comodità una famiglia potrebbe significare scomodarne diverse altre.
    C’è erroneamente indicato un Non accoglimento di tale istanza, mentre da noi non è stata inoltrata alcuna risposta prendendo tempo per le giuste valutazioni.

    Le restrizioni dettate dal Covid, tra cui il numero inferiore di alunni trasportabili per ogni corsa, ci hanno costretto a rivedere il piano delle fermate rispetto agli anni precedenti e abbiamo definito tale programma (non con poca fatica) considerando distanze consone tra abitazioni degli studenti e le fermate stesse, idoneità dei tratti di viabilità presi in oggetto e vicinanza ad un riparo nell’eventualità di meteo avverso. Precisiamo che è impossibile soddisfare ognuno di queste esigenze ma si è ragionato in un’ottica di comune beneficio e funzionalità.

    Sulla fermata specifica coinvolta in questa discussione, evidenziamo che dista meno di 100 m dall’abitazione della scrivente e lo spostamento auspicato comporterebbe una modifica di non più di 20 m, ciò a significare che non è essenziale ma libertario l’uso dell’auto, non comporta tragici spostamenti a sfavore della famiglia richiedente ed in ogni caso è sempre previsto e obbligatorio un accompagnatore sia alla salita che alla discesa dell’alunno (come citato nell’art. 6 del “Regolamento Servizio Trasporti Alunni” del Comune di Magisano).

    Sulle “insinuanti” fermate di cortesia, sottolineiamo che non è previsto in alcun modo nelle nostre prescrizioni e in nessuna nostra direttiva; se casualmente successo, è semplicemente per ovvi motivi di forza maggiore eo buon senso civico. Nessun nostro alunno è prioritario rispetto ad un altro, tutti i nostri amati ragazzi che usufruiscono del servizio sono trattati in pari modo e ci duole molto pensare che un bimbo abbia subito qualsivoglia mortificazione.

    Con garbo istituzionale, ma soprattutto dovere e piacere morale (in quanto parliamo di una comunità dove si conoscono tutti ed è molto più diretta la comunicazione tra cittadino e istituzione) vogliamo concludere puntualizzando che:
    Siamo tra i pochissimi comuni che offrono GRATUITAMENTE ai cittadini il Servizio di Trasporto Scolastico, per non gravare ulteriormente sulle loro economie;

    Abbiamo noi istituito un regolamento ad hoc sinora inesistente per disciplinare tale servizio anche in futuro per le amministrazioni che si succederanno;
    Abbiamo lavorato strenuamente su questo tema per il benessere di tutti i ragazzi, considerando inoltre che il citato Ass. Tozzo accompagna quotidianamente il proprio figlio ad una fermata lontana da casa nonostante lo scuolabus passi sia all’andata che al ritorno dalla sua abitazione e nonostante la fermata era li presente fino allo scorso anno ( elemento comprovante nessun tipo di personalismo nelle scelte effettuate). Eventuali modifiche al percorso si possono pattuire solo con il placet di tutti i fruitori ed in via del tutto eccezionale, assurdo sarebbe pensare di soddisfare le singole esigenze di ogni genitore.

    La scelta dell’Istituto ove iscrivere il proprio bambino è del tutto libera e personale. Come amministrazione difenderemo con i denti la tenuta delle nostre classi, garantendo al meglio le offerte proposte, con ciò auspichiamo sempre che nessuno si allontani dalle nostre mura. Ricordiamo, però, che è gran fortuna godere di uno scuolabus ( servizio inesistente in molti comuni, specie nelle città più grandi).
    Siamo una squadra e, nel bene o nel male, consideriamo le problematiche esistenti cercando di trovare le soluzioni migliori per la collettività, usando sempre il buon senso e ascoltando sempre tutti.
    Auspichiamo una pacifica conclusione di questa non felice vicenda, invitando chi trae facili giudizi a comprendere le motivazioni evidenti che muovono gli amministratori a non poter scegliere il bene di un singolo rispetto a quello dell’interesse collettivo. Rimaniamo come sempre aperti al dialogo.

    Più informazioni su