Sorrisi e voglia di normalità nel primo giorno di scuola del Convitto Galluppi di Catanzaro

Gradita presenza della vicesindaca della città, Giusy Iemma, e dei consiglieri comunali Daniela Palaia e Tommasso Serraino. I saluti della ds Scozzafava

Più informazioni su

    Una breve cerimonia per dare il via a un anno scolastico finalmente senza mascherine, tra i sorrisi dei ragazzi e la loro grande voglia di ritornare alla normalità.

    E’ stata organizzata all’interno del cortile del “Convitto Galluppi”, alla presenza della dirigente scolastica, Stefania Cinzia Scozzafava, una breve cerimonia di inizio delle attività didattiche che ha visto protagonisti i ragazzi delle prime classi della scuola secondaria di primo grado, la vicesindaca della città, Giusy Iemma, i consiglieri comunali Daniela Palaia e Tommasso Serraino.

    Dopo l’esecuzione dell’Inno d’Italia e una breve introduzione della ds, entusiasta di ricominciare l’anno scolastico in una situazione di quasi normalità e con la speranza di poter procedere senza ulteriori complicazioni legate al covid, è toccato alla vicesindaca portare il saluto dell’Amministrazione comunale.

    Generico settembre 2022

     

    Un saluto e un augurio a tutto il mondo che popola la scuola. A cominciare dai ragazzi ai quali si è rivolta sollecitandoli a seguire gli insegnamenti dei propri docenti “perché è tra i banchi che si formano le generazioni del domani”. Quindi l’augurio ai professori e agli educatori, “ai quali va il ringraziamento per come si spendono per consentirvi di crescere con le giuste competenze e conoscenze”, e al personale ausiliario, tecnico e amministrativo, “il cui lavoro è imprescindibile per il buon funzionamento della scuola”.

    La parola è quindi andata alla consigliera Palaia la quale ha ribadito gli auguri ai ragazzi, dichiarando la massima disponibilità – da parte sua e del Consiglio tutto così come dell’Amministrazione – a risolvere eventuali problematiche che dovessero presentarsi nel corso dell’anno.

    “Siamo grati per questa visita istituzionale – ha commentato, al termine, Scozzafava – perché evidenzia l’importanza che viene riconosciuta al mondo della scuola. Continuiamo a interloquire, così come in passato, con i nostri amministratori per creare insieme le condizioni migliori affinché i nostri bambini possano costruirsi, passo passo, un futuro brillante

    Più informazioni su