Quantcast

La Mastria manca il colpo interno contro la Virtus Arechi Salerno

Prossimo impegno domenica a Roma contro gli universitari della Luiss

Più informazioni su

    Non riesce alla Mastria il colpaccio interno contro la Virtus Arechi Salerno che sbanca, con non poche difficoltà, il PalaPulerà e rimanda il successo dei locali.

    Pesano per i giallorossi le assenze dei lunghi Gaetano e Tomcic, entrambi fuori per infortunio, che inevitabilmente complicano la gestione delle rotazioni e soprattutto privano Coach Tunno di due giocatori che nelle ultime uscite si erano resi protagonisti sempre di prestazioni di altissimo livello.

    Catanzaro in campo per la palla a due con Cucco, Procopio, Battaglia, Morciano e Brunetti; Salerno risponde con Maggio, Gallo, Mannella, Tortù e Rezzano.

    Nonostante il tentativo della Virtus di imporre sin da subito le proprie qualità l’avvio della Mastria è ottimo con i giallorossi capaci di rispondere colpo su colpo.

    Nella prima frazione risultano essere fondamentali i canestri di Brunetti (14 PT e 5 RIM) e Battaglia (15 PT) che garantiscono ai catanzaresi di non far scappare gli avversari con i primi 10’ che si concludono sul 20-21. Secondo quarto che segue l’andamento del precedente e durante il quale Gioele Moretti (16 PT) diventa un vero e proprio incubo per la difesa dell’Arechi.

    Il numero 10 locale realizza prima le due bombe che danno alla Mastria il sorpasso (26-24) e successivamente altri due canestri da dentro l’area con cui porta in doppia cifra il suo score prima ancora dell’intervallo lungo. La risposta di Salerno però non tarda e, sfruttando le assenze sotto al ferro della Mastria, trova il primo vero mini-allungo della serata a ridosso della seconda sirena mandando le squadre negli spogliatoi sul 36-45.

    La Mastria soffre il break subito e non trova la forza per ricucire lo strappo, sono anzi proprio gli ospiti che, caricati dal vantaggio accumulato, spingono ancora di più sull’acceleratore e aumentano il divario fino al +18 quando mancano tre minuti e mezzo alla fine del terzo quarto.

    Come spesso accade in queste situazioni l’Academy si affida alla straripante energia di Pasquale Battaglia che anche questa sera non si tira indietro e a suon di grinta e canestri prova a trascinare i suoi fino a quando non è costretto ad uscire dal campo per raggiunto limite di falli.

    Nonostante la sua assenza gli altri giallorossi seguono il suo esempio e, alzando drasticamente l’intensità nelle due metà campo, riescono a riportarsi velocemente sotto grazie anche ai canestri di Cucco (10 PT) e Morciano (14 PT) e all’incredibile lavoro nei pressi del ferro del giovane Tchintcharauli che esce spesso e volentieri vincitore dagli scontri contro i lunghi della squadra campana.

    La terza frazione si chiude tra gli applausi della dirigenza della Mastria nei confronti dei suoi ragazzi con il tabellone che segna 63-67. Ultimo quarto sempre in equilibrio con i padroni di casa che riescono ad avvicinarsi ma mai a superare gli avversari.

    Nel finale la maggiore esperienza di Salerno fa la differenza con i giocatori della Virtus che possono festeggiare un successo per loro pesantissimo in ottica play-off. Per la Mastria nuova sconfitta ma, saremo ripetitivi, ottima prestazione per tutti gli elementi a disposizione di Coach Tunno (positive le prove degli under Procopio e Mastria oltre che di Tomasello evidentemente ancora in fase di recupero).

    Rimane il rammarico per un calendario davvero beffardo per i nostri colori che ci ha portato ad affrontare lontano dalle mura amiche tutti gli scontri diretti nella corsa alla salvezza e di ospitare quelle squadre che hanno chiaramente obiettivi opposti rispetto ai nostri.

    Prossimo impegno domenica a Roma contro gli universitari della Luiss.

    Mastria Sport Academy vs Virtus Arechi Salerno 83-92 (20-22 / 36-45 / 63-67)

    Mastria Sport Academy: Battaglia 15, Morciano 14, Cucco 10, Brunetti 14, Moretti 16, Gaetano, Tchintcharauli 6, Procopio 3, Tomasello 2, Mastria Matteo 3, Mastria Marco.

    Virtus Arechi Salerno: Rossi 13, Rezzano 7, Maggio 11, Beatrice 2, Mannella 18, Valentini 15, Gallo 8, Tortù 18, Gervasio, Longo, Di Donato.

     

    Più informazioni su