Quantcast

Operazione Deep, generale Salsano: nostro obiettivo è far capire che l’aria è cambiata

"Circa il 30 per cento dei depuratori controllati erano fuori norma ma siamo solo all'inizio"

Più informazioni su

    “Il nostro obiettivo e’ far capire a tutti che l’aria in Calabria e’ cambiata”. Lo ha detto il comandante della Legione carabinieri Calabria, il generale di brigata Pietro Salsano, illustrando, in una conferenza stampa a Catanzaro, il bilancio dell’operazione “Deep” condotta dall’Arma contro una lunga serie di reati ambientali, soprattutto nel settore della depurazione, sul versante tirrenico della regione. “Si e’ trattato – ha esordito il generale Salsano – di un’attivita’ soprattutto preventiva, perche’ dai dati Ispra abbiamo notato come i fanghi prodotti in Calabria come residuo delle lavorazioni delle varie aziende sono minimi rispetto ad altre regioni e ci siamo chiesti perche’ cio’ accade.

    L’unica spiegazione plausibile purtroppo era che in molti casi sia i depuratori sia alcune aziende non rispettano il ciclo ambientale e non osservano le misure disposte per garantire la salubrita’ dell’ambiente e del suolo. Siamo partiti inizialmente dalle acque fluviali e marine avendo notato, statisticamente, come nel periodo estivo le acque tendono a intorbidirsi con una certa facilita’. Considerato – ha aggiunto il comandante regionale dell’Arma dei Carabinieri – che la Calabria ha un mare splendido, sia Tirreno sia Jonio, e’ davvero un peccato da un punto di vista della salute e anche turistico, per questo abbiamo deciso di fare questa operazione, ritengo unica nel suo genere, insieme alla componente Forestale dell’Arma dei carabinieri, anche per dire a tutti che la polizia ambientale in Italia e’ l’Arma dei Carabinieri”.

    Il generale Salsano ha poi evidenziato che “in Calabria ci sono piu’ di 300 depuratori: noi ne abbiamo controllati 58 ma in una fascia che abbraccia 208 chilometri di costa, da Tortora nel Cosentino a Nicotera nel Vibonese, e sono emerse purtroppo diverse infrazioni. Circa il 30% degli obiettivi erano fuori norma, ed e’ facilmente immaginabile questo cosa significa, e ancora ci mancano i campionamenti che abbiamo fatto e che ovviamente vanno analizzati nei laboratori. Sono state elevate sanzioni per oltre mezzo milione, ci sono poi 13 persone denunciate tra cui amministratori pubblici, sono stati sequestrati alcuni impianti, e ci sono tre Procure – Paola, Lamezia e Vibo Valentia – che stanno indagando. Il messaggio di questa operazione e’ quello del deterrente, di far capire a tutti, a chi ha attivita’ industriali e a quanti, a livello comunale, gestiscono i depuratori, che noi arriviamo. Abbiamo per ora fatto questa fascia costiera tirrenica ma – ha osservato il comandante della Legione carabinieri Calabria – arriveremo anche sullo Jonio, arriveremo nel Reggino, arriveremo ovunque. Ci vorra’ qualche tempo ma arriveremo”

    Il generale Salsano ha sottolineato “la competenza dei colleghi della Forestale, dell’Arpacal, della Regione Calabria e della stazione zoologica Anton Dohrn che hanno dato un grande contributo, e sottolineo anche il contributo lo Squadrone eliportato Cacciatori, perche’ ci sono zone inaccessibili e riescono a intervenire. E’ importante riuscire a dire a tutti che noi arriveremo perche’ i cittadini calabresi devono vedere che lo Stato, con tutte le sue componenti anche regionali, si attiva per garantire un fattore di crescita del territorio perche’ e’ evidente che un depuratore che non fa il proprio lavoro e sversa a mare e’ un danno per le famiglie e per i turisti, che non verranno piu’. Noi teniamo tanto anche alla crescita del territorio e non ci fermeremo.

    Il danno ambientale lo scopriremo soprattutto dopo le analisi di laboratorio delle analisi che abbiamo campionato ma credo che sia rilevante”. Secondo l’alto ufficiale, “il concetto e’ lavorare in squadra, siamo pronti a collaborare con tutte le organizzazioni pubbliche e private che vogliono condividere con noi questo progetto a servizio dei calabresi. Entro maggio finiremo il nostro lavoro, perche’ siamo ancora all’inizio. Ci stiamo muovendo con i controlli sul territorio, e’ un lavoro lungo. Il nostro obiettivo e’ fare un mega censimento anche sul terreno fino alle sorgenti. Ma soprattutto – ha concluso il comandante della Legione Carabinieri Calabria – il nostro obiettivo e’ far capire a tutti che l’aria in Calabria e’ cambiata: vogliamo andare in profondita’ colpendo tutti coloro che compiono illegalita’”. Alla conferenza stampa ha partecipato anche il comandante regionale dei carabinieri forestali, il colonnello Giorgio Borrelli, che ha sottolineato “la grande sinergia tra tutti i soggetti impegnati in questa operazione e il contributo della nostra struttura, che ha dispiegato 100 militari”.

    Più informazioni su