Quantcast

Calcio, è un Catanzaro duro: ora Genova deve diventare abitudine

Al di là dell'eliminazione è dolce il day after di Coppa Italia: giallorossi protagonisti contro i rossoblù, ora sotto con la Ternana

Più informazioni su

    Solo una prova da duri avrebbe potuto tenere accese le speranze del Catanzaro di uscire indenne da “Marassi”. Il risultato ha detto male e non ha premiato fino in fondo lo sforzo ma sul piano della prestazione le aquile di Calabro hanno davvero poco da recriminare. Anzi, tanto da essere orgogliose per quanto fatto ieri. Perché al cospetto di un avversario forte e blasonato come il Genoa di Maran i giallorossi hanno sfoderato una prestazione davvero tosta e da applausi – fatta di cuore, polmone e gamba allo stesso altissimo livello – riuscendo quasi ad azzerare il gap di tre categorie con i rossoblù e a tratti anche a farsi preferire nella manovra. Un’esibizione da applausi convinti, al di là del verdetto finale, che fa il paio con la bella serata del turno precedente a Verona. Che fa gonfiare il petto, certo, ma che per rendere più larga la soddisfazione dovrà ora diventare abitudine anche su palcoscenici meno titolati della LegaPro.

    INDICAZIONI – Ciò che resta di questa sconfitta onorevole è tanta roba dal punto di vista della personalità e del carattere. A conferma dello spessore del gruppo – maggiorato quest’anno attraverso il mercato – in termini di attributi e maturità. Hanno brillato i grandi vecchi – Corapi, Evacuo e l’autore del gol della bandiera Fazio – e si è confermato positivamente anche Pinna, tra i migliori in entrambe le fasi. Qualche piccolo rammarico per gli ingranaggi un po’ inceppati in difesa sui gol di Scamacca – soprattutto il primo – e per la fretta che a volte non ha consentito di sfruttare al meglio le ripartenze.

    ORA LA TERNANA – Da ieri sera la truppa si è trasferita ad Orte dove rimarrà fino al weekend per preparare al meglio la sfida di domenica contro la Ternana. Le sedute di domani e sabato consentiranno di fare il punto sulla condizione generale indirizzando anche le scelte di formazione. Sarà ancora assente Di Piazza rimasto in città per curare uno stiramento.

    RINGRAZIAMENTI E a proposito della trasferta ad Orte la società Us Catanzaro 1929 ha espresso in una nota il proprio ringraziamento alla Asd Ortana Calcio per la straordinaria accoglienza ricevuta in occasione del ritiro delle Aquile nella città laziale. “Siamo particolarmente grati all’allenatore Paolo Livi, che con grande disponibilità ci sta consentendo di svolgere al meglio la preparazione sul terreno dello Stadio Comunale ‘Gildo Filesi’, in vista della trasferta di Terni”, afferma il direttore generale Diego Foresti, che prosegue: “Siamo felici di avere trovato ad Orte una grande ospitalità e un legame di simpatia che, come ha ricordato con orgoglio il presidente Luciano Nesta, risale al 1989, quando il Catanzaro di Palanca, con Fausto Silipo in panchina, giocò qui un’amichevole contro l’Ortana. Le condizioni sono ottimali per preparare una gara importante come quella in casa della Ternana”.

    Più informazioni su