Si perde anche a Bologna… …ed il sangue nelle vene!

Dopo un buon primo tempo concluso con un goal preso nel recupero, il Crotone rimane imbambolato e vittima di se stesso. Tante, troppe assenze, non giustificano un secondo tempo orribile. Uno a zero e tutti a casa.

Più informazioni su

    Procolo Guida
    Tredicesima della classe, il Bologna, contro l’ultima, il Crotone, atteso da una trasferta che comincia ad essere complicata anche sotto il profilo del risultato, al Dall’Ara: due soli punti per gli ospiti, anche se Mihajlovic sa che la squadra di Stroppa non è da sottovalutare anche perchè la sconfitta in Coppa Italia contro lo Spezia è impossibile cancellarla, obbligatorio superarla. Il Bologna torna a tuffarsi nel campionato così alla ricerca delle certezze arrivate, quest’anno a singhiozzo, con quella ricerca del gioco che dice, anche, 41 gare consecutive con goal preso per evitare di eguagliare il record del Bordeaux, a una sola partita di distanza (42). Stroppa ha ben altri problemi anche perchè al rientro di Molina dal post covid deve fare a meno di tanti titolari quanti i giovani della primavera da portare in panca (4).
    Pronti via e come è accaduto quasi sempre, il Crotone costringe gli avversari nella propria metà campo; anche dopo il 10′ (minuto dedicato al Pibe de Oro Maradona come in tutti i campi oltre al minuto di raccoglimento iniziale) sono i rossoblu calabresi a fare meglio non riuscendo, però come al solito, ad impensierire Skorupski. Complice, forse, un infortunio con sostituzione accorso ad Orsolini (dentro al 18′ Sansone) gli ospiti destreggiano bene fino al 25′ anche se i felsinei sanno rendersi pericolosi soprattutto sulle fasce. Dal 30′ si può dire però che i padroni di casa prendono quasi completo predominio con però il Crotone che al 37′ vede protagonisti Simy ed il portiere di casa che sventa un buon colpo di testa del nigeriano. Gli ultimi due minuti della prima frazione vedono due squadre allungate per aver speso molto in termini di dinamismo ed attenzioni ai particolari e proprio nell’ultimo minuto di recupero del primo tempo succede di tutto: punizione battuta velocemente, Barrow crossa al centro per Sansone che di testa trova la mano di Cordaz, tap in di Palacio che colpisce la traversa, arriva prima di tutti il tocco di Soriano che vale il vantaggio felsineo; che disdetta per i ragazzi di mister Stroppa che dovranno organizzare un altro tipo di gara al rientro dagli spogliatoi.
    Si riparte con Stroppa che fa entrare Cuomo per Marrone. Arrivano i peggiori 15 minuti del Crotone di questo ritorno in serie A: il Crotone non riesce a fraseggiare in mezzo al campo e si affida ai lanci lunghi ma il Bologna non si lascia sorprendere e non raddoppia anche per merito di Stroppa che al 60′ rompe gli indugi e mette dentro Dragus e golemic per Vulic e Magallan anche lui ammonito. Le cose non migliorano affatto per gli ospiti che riescono, pure timidamente, ad affacciarsi verso l’attacco solo di contropiede… E si arriva così al 70′ con altre lacune emerse pure sui calci piazzati in difesa per i ragazzi di Stroppa. Fino all’80’ il Bologna “dorme” sui demeriti di una squadra avversaria che non riesce proprio ad organizzare una controffensiva che sia una, con Stroppa che fa entrare anche Crociata per Reca, ma è Palacio ad avere le due ultimissime occasioni e tre minuti di recupero manco fossero sotto di 4 goal… Chè brutti segnali in questo secondo tempo, si perde anche qua; tante, troppe assenze ma il problema per questo Crotone di oggi non è il risultato, ma capire se ci sono almeno 7 o 8 giocatori in rosa con il sangue nelle vene…
    BOLOGNA 1 (Soriano al 48′ del p.t.)
    CROTONE 0
    Bologna: Skorupski; De Silvestri, Danilo, Tomiyasu, Hickey (amm. al 30′); Svanberg (dal 75′ Dominguez), Schouten; Orsolini (dal 18′ Sansone), Soriano, Barrow (dall’87’ Vignato); Palacio (amm. al 74′).
    All. Mihajlovic
    Crotone: Cordaz; Magallan (amm. al 58′ dal 59′ Golemic), Luperto (amm. al 72′), Marrone (amm. al 19′ dal 46′ Cuomo); Pereira, Molina, Petriccione (amm. al 15′), Vulic (dal 59′ Dragus), Reca (dal 79′ Crociata); Simy, Messias.
    All. Stroppa
    Ha diretto la gara il signor Serra

    Più informazioni su