Quantcast

Rari Nantes all’esame Waterpolo Catania

I ragazzi del presidente Arcuri chiamati a dare il massimo in una sfida da subito decisiva. Bezic: "Ci aspettiamo una partita tirata sino all’ultimo secondo".

Più informazioni su

    Quarto impegno ufficiale nella quinta giornata del Campionato Nazionale di SERIE B per l’A.S.D. Rari Nantes L. Auditore che a Catania Sabato 17 Aprile alle ore 17.00, sfideranno la formazione dell’Etna Waterpolo Catania in quello che si preannunzia essere il classico incontro deciso a valere sulla classifica e sulle ambizioni delle due compagini per il prosieguo del campionato.

    “Nel bene o nel male – introduce il Presidente Vincenzo Arcuri – gli snodi delle nostre ultime stagioni sportive sono passati e, sabato, passeranno, dall’incontro/scontro con la società catanese del Presidente Rovani: negli ultimi quattro anni, con esclusione del periodo in cui abbiamo affrontato il campionato di Serie A2, le partite contro l’Etna Waterpolo Catania hanno sempre avuto qualcosa di importante in palio, basta ricordare le finali promozione del 2018. E’ questo è un bel risultato raggiunto: affrontare partite importanti negli anni significa dare continuità al progetto ai risultati. Più nel dettaglio, quella che ci aspetta sabato a Catania sarà una partita dal valore assoluto: poco altro da aggiungere, chi vincerà potrà ambire ai primi due posti in classifica che garantiranno i playoff promozione nel mese di Luglio, chi perderà sarà inevitabilmente coinvolto nella lotta per evitare la retrocessione. Dopo tre partite giocate siamo appaiati in classifica a sei punti con il medesimo percorso di vittorie e sconfitte (entrambe sconfitte dalla capolista Cesport Napoli). Ecco, ancora una volta, nonostante tutto, siamo a parlare di sport giocato, di prestazioni e di risultati. Non avremmo neanche dovuto partecipare al campionato, figurarsi essere qui a commentare un pre-partita così importante. Non è scontato”.
    “Sarò partita certamente complicata – esordisce il centrovasca Renè Bezic. Giochiamo fuori casa, come sempre, e affronteremo l’ennesima situazione complicata. Ci aspettiamo una partita tirata sino all’ultimo secondo. Non conosciamo direttamente i nostri avversari, ma conosciamo il loro spirito di giovani indomiti, che poi è lo spirito da sempre della società. La metteranno sul nuoto e sulla resistenza fisica, sulla velocità di esecuzione. Per noi il concetto è sempre quello: come al solito, ci ritroveremo due ore prima della partita per parlare e organizzarci, ma la differenza la farà l’empatia che si creerà tra  noi e la resilienza ad affrontare ogni difficoltà. Sarà partita importante perché il risultato determinerà nei fatti quale campionato saremo chiamati a fare: in proiezione playoff o a difesa della Serie.”.

    Più informazioni su