Quantcast

L’orgoglio dello squalo da trasferta è sempre marca Simy! foto

Forse finalmente liberi per davvero, i ragazzi di Cosmi si impongono a Parma 4 a 3 in una partita incredibile! Infinito il nigeriano crotonese: supera anche Obafemi Martins come miglior marcatore nigeriano di sempre in serie A.

Più informazioni su

    Quasi con entrambi i piedi già in Serie B, sia Parma che Crotone, scendono in campo al Tardini nella 33ª giornata della Serie A 2020/21, giocandosi l’orgoglio soprattutto, fattore non trascurabile, ma anche i presupposti concreti di iniziare a mettere quei mattoni decisivi di una prossima stagione che le dovrà vedere protagoniste. Pur essendo al lavoro più la dirigenza che i due tecnici, entrambi in forse per il futuro, è evidente, scorgendo le formazioni, che sia Aversa che Cosmi, cedano molto agli sguardi attenti dei loro DS. Il tecnico di casa presenta Man e Mihaila con la possibile staffetta Cornelius/Pellè con il primo chiamato ad iniziare titolare. Serse Cosmi si affida invece a Cigarini per dare concretezza a Molina, Messias e Simy vero core business di un Crotone non giovanissimo, ma certamente “proprietario” di gemme preziose o in sede di mercato piuttosto che di una rosa che in cadetteria farebbe gola a qualsiasi Grande.
    Già al 2′ minuto c’è il primo allarme in area crotonese con Cornelius che attacca Cordaz sul suo lato destro mettendo in mezzo dove la difesa rossoblu spazza. Parte forte il Parma che subito dopo su una punizione seguente pur con un nulla di fatto, dice che la squadra gialloblu ha preparato un match all’assalto della porta di Cordaz. Al 6′ però, con un cross rasoterra di Reca e Colombi fuori causa, Messias alza la mira a porta spalancata. Fino al 14′ il Parma gestisce, ma il Crotone punge con un sinistro splendido del brasiliano Messias che sferra una botta sulla quale Colombi non ci arriva essendo salvato dalla traversa! Dal corner seguente battuto da Ounas spunta la testa di Magallan, che anticipa Hernani e batte Colombi per l’1-0 del Crotone: primo goal assoluto in serie A alla sua 24^ presenza! Al 20′ dopo una offensiva sterile dei padroni di casa, Man deve arrendersi a un problema muscolare al flessore sinistro: già pronto il cambio con Gervinho. Poi è ancora Messias show: illuminante Molina che lo serve al limite dell’area, gioco di gambe e sinistro deviato in corner che spaventa Colombi! Al 26′ episodio fortuito con l’uscita alta di Cordaz che, colpendo il pallone col pugno, lo fa carambolare sulla testa di Hernani che è fermato dal palo. C’era comunque Djidji pronto a intervenire sulla linea di porta! ma è solo prova generale per il pari vero dopo quello dei legni: è bravissimo Cornelius, lontano dall’area ma in versione assist-man: suo il cross dalla sinistra che trova Hernani, sovrastato Djidji nel colpo di testa dell’1-1! Al 38′ sembra poter accellerare il Parma: è l’ivoriano appena entrato che s’invola palla al piede verso la porta di Cordaz, importante il recupero di Djidji che lo disturba e lo costringe a portarsi il pallone oltre la linea di fondo! Ma a termine tempo arriva un uno due terribile per gli emiliani: prima al 44′: Simy fa goal numero 18 in campionato (e 11° nel girone di ritorno), ma il merito va ad Ounas. L’ex Napoli scappa sulla destra e mette al centro con Bani che sporca il pallone: deviazione che accomoda il facile tap-in del nigeriano sul secondo palo per il 2-1 del Crotone! Tre minuti, dunque in pieno recupero, Ounas si mette in proprio, avanza palla al piede sulla trequarti e indovina l’angolino con un sinistro preciso che non lascia scampo a Colombi: 3-1 per il Crotone che chiude un tempo terribile per i padroni di casa ed un rammarico grandissimo per il Crotone quanto la lunga assenza di un giocatore come Cigarini che, fin qua, anche quasi da fermo fa girare tutta la sua squadra come ha fatto per le quasi 400 presenze nella massima serie.

    Entrano Pellè e Osorio e dopo 3 minuti di studio il Parma spinge ed accorcia: Cornelius di testa fa da sponda per Gervinho che di sinistro infila Cordaz sul primo palo con una botta secca. E mentre, troppe volte, Gervinho cerca di fare troppo da solo, passa in secondo ordine che il Parma comunque è quasi sempre col pallone fra i piedi ed arriva dunque la mazzata per il Crotone che subisce il pari: il tiro vincente è di Mihaila, zampata in area che batte Cordaz su assist di Pezzella. Ora la gara, dal punto di vista emotivo, si è ribaltata anche perchè la quarta punta del Parma ha variato quel qualcosa che, dalla parte del Crotone, non ha visto risposte. Fino al 63′ è solo Parma, sterile per fortuna, poi prima Ounas e poi Reca, si fanno vedere dalle parti di Colombi. Arriva pure il primo cambio per Cosmi che deve far entrare Eduardo al posto dello stremato Cigarini. Ed al 68′ altro ribaltone: Reca scappa palla al piede e viene sgambettato da Osorio all’ingresso nell’area di rigore, l’intervento, a detta Var, è avvenuto sulla linea dell’area di rigore: confermato il penalty su cui Simy si conferma cecchino assoluto arrivando a quota 19 questa’anno e superando il connazionale Martins come miglior marcatore nigeriano di sempre in serie A: infinito Nwankwo. Aversa chiama i giovani Grassi e Valenti, escono Hernani e Dierckx. Arrivano i gialli a Cornelius e Grassi, a conferma di un compresibile nervosismo dei padroni di casa ed il minuto (83′) per Benali al posto di Messias. I ragazzi di Aversa ce la mettono comunque tutta fino alla fine, ma le urla, incessanti di Cosmi assicurano attenzione fino alla fine per portare a cassa, finalmente, quest’orgoglio squalo da trasferta che segna anche 18 punti in classifica a 2 proprio dagli emiliani, dando un altro obbiettivo, mica stupido, di non arrivare ultimi in questa seconda esperienza dei calabresi nella massima serie.

    PARMA        3   (Hernani al 29′, Gervinho al 49′, Mihaila al 55′)
    CROTONE   4  (Magallan al 15′, Simy al 42′, Ounas al 47′ del p.t., Simy al 69′ su rigore)
    PARMA (4-3-3): Colombi; Busi, Bani (dal 46′ Pellè), Dierckx (dal 75′ Valenti), Pezzella; Hernani (dal 75′ Grassi amm. al 78′), Brugman (amm. al 56′), Kurtic (dal 46′ Osorio); Man (dal 20′ Gervinho), Cornelius (amm. al 76′), Mihaila.
    All. Aversa
    CROTONE (3-5-2): Cordaz; Djidji, Golemic, Magallan; Molina, Messias (amm. al 72′, dall’83’ Benali), Cigarini (dal 75′ Eduardo amm. al 92′), Zanellato, Reca; Ounas (dal 91′ Pereira), Simy.
    All. Cosmi
    Ha diretto la gara il sig. Rapuano

    Più informazioni su