Quantcast

Catanzaro, questione di dettagli: a Giovino è sempre più cantiere playoff

Al "Gullì" scende in campo anche Noto per tastare gli animi. Si rivedono i tifosi sulle gradinate e c'è fermento per la rifinitura. L'immagine più bella? Il sorriso del piccolo Gabriel

Più informazioni su

    Sono dettagli, piccoli ma tutt’altro che insignificanti. Utili per capire come in casa Catanzaro si stia vivendo l’attesa per l’esordio playoff di domenica – giovedì il sorteggio per decidere l’avversaria – e con quanta meticolosità il club di via Gioacchino da Fiore stia attenzionando le problematiche di campo e dell’ambiente in questa fase. Dettagli di peso. Come la presenza a Giovino, quest’oggi, del presidente Noto sceso personalmente in campo per tastare gli umori dello spogliatoio e caricare la truppa prima dell’entrata nel frangente caldo: un’occhiata al campo per il patròn, poi due chiacchiere con il diggì Foresti ed il punto della situazione con mister Calabro prima del congedo silenzioso a fine seduta.

    Dettagli di contorno, poi. Che all’attesa della squadra e della società intrecciano quella della tifoseria, tornata a fare capolino sulle gradinate del “Gullì” – se pur in numeri ristretti – dopo tanta, triste, assenza. Il covid ha nascosto, non spento la passione della città. E sale in queste ore la voglia di accompagnare le aquile nell’ultimo tratto prima dell’esordio con l’ipotesi di un’adunata controllata al vaglio quantomeno per la rifinitura. In mezzo a tutto ciò, i fatti piú concreti del diario di bordo.

    Che hanno visto Calabro sorridere per l’agonismo messo dai suoi, senza risparmio però di apprensioni per le botte rimediate in partitella da Scognamillo e Verna – quest’ultimo costretto a fine allenamento alla borsa del ghiaccio sul ginocchio. Niente di preoccupante, trapela comunque dall’infermeria. Ritornello identico per Riccardi anche oggi ai box ma in procinto – probabilmente già domani di riaggregarsi ai ranghi. L’immagine più bella però è stata quella del piccolo Gabriele – figlio di Paolo Rotundo, tifoso giallorosso scomparso nelle scorse settimane – ospite oggi della squadra al quartier generale marinaro: il suo sorriso il dettaglio più bello della tappa odierna verso domenica.

    Più informazioni su