Quantcast

Gli Achei della Milonrunners alla conquista della Roma-Ostia Half Marathon 2021

Prestazioni da stropicciarsi gli occhi per gli atleti crotonesi.

Più informazioni su

    Era attesissima la 46° edizione della Roma-Ostia, classicissima mezza maratona, probabilmente la più famosa in Italia e unica a poter vantare il riconoscimento “Gold Label” della World Athletics. La gara, originariamente prevista per il marzo 2020, era stata all’epoca in bilico fino all’ultimo momento, e quindi tra i primi eventi ad essere rimandati a data da destinarsi. Ma all’appuntamento con lo sport, finalmente si giunge nella domenica 17 ottobre, quando di buon mattino, circa 7000 runners sono puntualmente assiepati alla partenza in zona Eur, per affrontare i 21,097 km di un percorso scorrevole ma con lievi saliscendi, che porta il fiume di gente verso l’arrivo con vista litorale presso il lido di Ostia.

    Dopo appena un mese dalla Maratona, un’altra domenica da solcare l’asfalto per la città eterna, con meteo ideale per le scampagnate e in cui non è assolutamente da disdegnare una capatina al mare, che si sono voluti regalare i corridori presenti. Al termine di una corsa entusiasmante, trionfa l’etiope Tola Abdera Adisa riuscendo a stare sotto il muro dell’ora, in 59:54. Al secondo posto una splendida prestazione per l’azzurro Daniele Meucci, che con 1:00:11 fa segnare la seconda miglior prestazione di sempre per un atleta italiano. Terzo posto per il sudafricano Maxwell Mbuleli Mathanga in 1:00:17. La gara femminile si risolve in volata tra le keniane Joyce Tele (1:06:35) e Betty Kibet Chepkemoi, mentre chiude il podio la connazionale Gloria Kite in 1:07:54. Tempo della Tele che è anche il nuovo record della gara, e miglior crono di sempre su territorio italiano in mezza maratona. Prestazioni da stropicciarsi gli occhi per gli atleti della Milonrunners, presentatisi con intenzioni belligeranti nella Capitale. Guidati dal faro Salvatore Blaconà (1:26:13, record personale schiantato), la “legione achea” vede anche due esordienti sulla distanza della mezza maratona, un sorprendente (o forse no) Pietro d’Oppido in 1:29:07 e Giuseppe Silipo, con allenamento non ideale in 1:30:47, entrambi evidentemente privi di patemi nella loro prima volta. Completa il forte quartetto Luciano Compagnone, personale anche per lui con 1:33:23, e anche lui brillante nonostante un allenamento non perfetto. Tutti sospinti dall’inesauribile motore che è la voglia di migliorare sé stessi e già in cerca della prossima tappa da marchiare a fuoco sul calendario. A cementare il gruppo, si aggiunge il prontissimo supporto del II Capo della Marina Militare Giuseppe Mendicino, a dimostrazione che nella Milonrunners la presenza e l’aiuto reciproco sono elementi basilari e fondanti. Il presidente Antonio Pizzuti esprime tutta la sua soddisfazione anche perché ha portato in estrema comodità grazie ai servizi della Milonbus i suoi atleti a Roma per poi consentirgli di fare una volata fino ad Ostia.

    Più informazioni su