Il Crotone c’è, trascinato anche dalla Manzulli foto

Doppietta di capitan Golemic nel primo tempo, nel secondo contiene un buon Monopoli divorando troppi goal!

Più informazioni su

    La prima allo Scida in serie C dopo 13 anni di grandissimo calcio contro i biancoverdi del Monopoli che vuole confermare le ottime cose mostrate negli ultimi anni e nel derby pugliese d’esordio. Entrambe le squadre, infatti, sono reduci da due vittorie convincenti, i calabresi hanno battuto a domicilio il Messina per 4-2, mentre gli uomini guidati dal tecnico Giuseppe Laterza si sono imposti sul Taranto per 4-0. I rossoblù vanno in campo con quello che sarà, come dichiarato da Mister Lerda che dovrebbe scontare l’ultima di tante giornate di squalifica provenienti dallo scorso anno, il “consueto” 4-3-3: Branduani tra i pali, Calapai e Giron presenti come terzini rispettivamente a destra e a sinistra ai lati della coppia di centrali Golemic-Cuomo. In mezzo al campo, ai lati di Petriccione che agirà in cabina di regia, ci sono Awua (rientrato titolare) e Tribuzzi; come prima punta ritrova spazio ancora Gomez con Chirichò e Kargbo sulle corsie esterne. 4-2-3-1 invece per il Monopoli: Avogadri in porta (prima mezza sorpresa), protetto dai centrali Fornasier e Bizzotto; Viteritti e Falbo sono confermati come laterali di difesa (a destra e a sinistra). Davanti alla retroguardia agiranno ancora Vassallo e Piccinni mentre ai lati di Montini pronti Manzari (al posto di Rolando) e Starita: il trio di trequartisti supporterà l’unica punta Simeri.

    Brividi a riascoltare e rivedere la sud dei tempi migliori e la squadra risponde subito: al secondo 48 del primo minuto Kargbo manca di pochissimo l’impatto sul bel cross di Chiricò ed al minuto e 58 secondi è Gomez a colpire la traversa su fendente dalla parte opposta di Giron, sempre dopo manovre avvolgenti. Ed al 4’ minuto Chiricò da distanza siderale, su punizione impegna Avogadri. Il Monopoli non ci sta a far da sparring e prova a reagire. Anche fra l’8’ ed il 9’ minuti su due calci d’angolo consecutivi, troppe maglie rossoblu nella propria area, crea qualche apprensione a Branduani già allertato, prima, da un liscio di Golemic in possesso palla. Si arriva a superare il quarto d’ora di gioco con una apparente presa di misura della squadra ospite sempre aggressiva sulla trequarti ma su angolo di Tribuzzi è capitan Golemic a sovrastare tutti e portare in vantaggio i padroni di casa. Il Crotone insiste e sfiora il raddoppio ma la difesa pugliese riesce a fatica a spazzare in angolo dopo una buona palla giocata in piena area fra Gomez e Chiricò. Fino alla mezzora la gara rischia però di innervosirsi fin troppo con un secondo intervento al limite in area pugliese che, come nei primissimi minuti, Caldera ignora. Il grande merito del Crotone è quello di non perdere mai di vista intensità e voglia di giocarsi pallone su pallone, anche quando sbaglia, e non sbaglia di rado. Entra De Risio per un malore accorso a Piccinni nel Monopoli. Ed arriva (quasi allo stesso modo di prima) l’altra frustata di testa del centrale capitano che porta i suoi al doppio meritatissimo vantaggio. Al 40’ Kargbo sferra un destro che Avogadri respinge a fatica e comunque si insiste per chiuderla e la sud che non ha mai smesso di cantare è in visibilio. Si chiude dunque sul doppio vantaggio meritatamente, soprattutto per l’attitudine!

    Inizia il secondo senza cambi e con la stessa Curva Manzulli che incita, trascina e “costringe” il Crotone a non mollare un centimetro. Il Monopoli nei primi dieci cerca e trova possesso, il Crotone, complice l’arbitro troppo anglofono, non riesce a partire come potrebbe. Al 14’ Tribuzzi fa tremare tutti tranne l’incrocio alla sinistra di Avogadri, solo sfiorato. Chiricò gigioneggia e la sud s’infiamma sempre più, trascinando anche il resto dello stadio, in oltre 4000 allo stadio oggi. E Kargbo al 18’ si divora l’impossibile di fronte ad Avogadri, dopo una bellissima trama Chiricò Awua. Ed il Monopoli non molla, Simeri è messo per almeno due volte nelle condizioni di far male, e non è un fesso. Nardecchia mette infatti Vitale e Giannotti per Petriccione e Tribuzzi (ammonito). Ma al 69′ è nuovamente pericolo scampato da Branduani su un bel taglio da sinistra concluso da Manzari e mandato appunto in angolo (adesso siamo 7 a 6 per gli ospiti) dal portiere crotonese. Risponde il Crotone sempre con la sterilità di Kargbo che infatti esce assieme a Chiricò per fare entrare Panico e Pannitteri che non riesce a concludere involato subito in contropiede. Ma è proprio Panico che si divora un goal peggio di quello di prima di Kargbo dopo una bella trama confezionata da Vitale che, come di consueto, entra bene in qualsiasi contesto. Entra anche Tumminello (applauditissimo) al posto di Gomez, ma è di nuovo Panico a divorarsi un altro incredibile goal dopo aver saltato anche Avogadri. La gara termina solo nei minuti di recupero, bravo il Monopoli comunque, e per questo bravo due volte il Crotone.

    Crotone       2  (Golemic al 18’ ed al 37’)

    Monopoli    0

    CROTONE (4-3-3): Branduani; Calapai, Golemic, Cuomo, Giron; Awua, Petriccione, (dal 67’ Giannotti) Tribuzzi (amm. al 28’ dal 67’ Vitale); Chiricò (dal 72′ Panico), Gomez (dall’84’ Tumminello), Kargbo (dal 72′ Pannitteri).

    All. Nardecchia (Lerda squalificato)

    MONOPOLI (4-2-3-1): Avogadri; Viteritti, Fornasier, Bizzotto, Falbo; Vassallo (dal 72′ Hamlili), Piccinni (dal 36’ De Risio); Manzari, Starita (dal 72′ Rolando), Montini; Simeri (dall’ 84′ De Santis).

    All.Laterza.

    Ha diretto la gara il Sig. Caldera

    Più informazioni su