Quantcast

Degrado nel centro storico: la segnalazione del consigliere Rotundo foto

Focus dell'esponente di "Fare per Catanzaro" sul quartiere Pianicello

Più informazioni su

    “Uno scenario raccapricciante, un degrado da far pensare ad una zona abbandonata a se stessa, ad un quartiere delle Favelas dove rifiuti e materiali di ogni tipo fanno da cornice”. Inizia così la nota con cui Cristina Rotundo, consigliere comunale di Fare per Catanzaro, denuncia il degrado in cui versano alcune zone del centro storico.

    “Nello specifico si parla di quartiere Pianicello, l’antico vicolo di via de Jessi che in situazioni di pulizia e normalità sarebbe meta di turisti per le sue mura e abitazioni caratteristiche e antiche, ma in realtà è divenuto solo scenario di degrado e abbandono. E nei giorni di festa la situazione è andata solo peggiorando con spazzatura e sporcizia che si sono aggiunti a vestiti, buste aperte, erbacce e escrementi che erano già presenti. I residenti sono stanchi di segnalare, telefonate a chi di competenza che sembra ignorare questa vergognosa situazione” – si legge nella nota.

    “Oramai anche affacciarsi dal proprio balcone è sconfortante immaginiamo ad accogliere ospiti nei giorni di festa. Sembra quasi di invitarli in un quartiere da Terzo Mondo. Si perché via de Jessi oramai è abbandonata da operatori ecologici che fanno finta di non vedere, da addetti ai lavori e purtroppo anche presenziato da qualche incivile che abbandona buste di abiti così per strada sperando che qualcuno le raccolga. La situazione degenera giorno dopo giorno, è necessario un intervento urgente di pulizia per evitare che man mano che passano i giorni diventi sempre più impraticabile anche poter passare a piedi. Provvederò a inoltrare una pec all’ufficio competente sperando in un immediato intervento perché un luogo così suggestivo come il centro storico non può e non deve essere abbandonato e se la situazione non dovesse cambiare è necessaria una denuncia alle autorità competenti per far si che questo luogo torni a brillare come merita”.

     

    Più informazioni su